Torre Annunziata Centro Civico – Rivoluzione Culturale

Torre Annunziata è una città viva ed emozionale, stretta tra mare e vulcano che riesce a tirar fuori l’arte ed il bello da cumuli di cenere; da sempre fucina di talenti, campioni, musicisti, scrittori.
Durante l’ultimo trentennio le vicende di cronaca nera che hanno interessato la città ne hanno oscurato il ricordo di territorio fertile e calderone di iniziative socio-culturali, nonché di fiorente centro economico.
Un progetto di riqualificazione del territorio è necessario per combattere la desocializzazione dei più giovani, per sottrarli a quello che è il concetto di “devianza criminologica” che è un fenomeno determinato nella maggior parte dei casi dall’ambiente sociale circostante. Offrire nuove opportunità ricreative e culturali è la chiave di volta per estirpare il male che induce a delinquere.
Valide esperienze di recupero socio-culturale sono da tempo gestite dalle associazioni ecclesiali attraverso le forme oratoriali come ad esempio il lavoro svolto dall’Istituto delle madri S. Maria Mazzarello oppure dai Salesiani Don Bosco che hanno cercato di offrire un’opportunità formativa-educativa nel tentativo di recuperare tantissimi giovani e toglierli dalla strada.
Ben poche associazioni sul territorio si sono avvicendate storicamente nel tentativo di offrire una valida alternativa educazionale e culturale per i giovani della città, se escludiamo l’ associazione Scout del territorio (anche essa di matrice cattolica) non abbiamo altri esempi concreti.
Un progetto chiaro e diretto è quello di centro civico.
Cos’è un centro civico?
E’ una struttura municipalizzata ma laica ed apolitica, che mette a disposizione una delle cose che più manca ai nostri cittadini: spazio!
Un centro civico è un luogo dove i cittadini hanno libero accesso e possono usufruire di laboratori creativi, artistici, sportivi, culturali, un luogo dove avere idee è una virtù, un posto sicuro ed avulso da meccanismi negativi e complessi ma dove si predilige la semplicità del movimento fisico e dell’espressione culturale.
Il centro civico viene strutturato per garantire a piccoli o grandi gruppi di avere degli spazi adeguati dove poter svolgere il proprio lavoro, gli hobbies, le passioni, tutto completamente gestito da due responsabili regolarmente retribuiti dalla cassa comunale i quali organizzano un piano di lavoro dislocando laboratori in tutte le ore del giorno, laboratori fruibili gratuitamente e che sono aperti a chiunque abbia interesse nel parteciparvi.
Il centro civico è un polo multifunzionale finalizzato allo sviluppo delle capacità motorie, delle abilità ed a promuovere il confronto culturale, è un luogo dove si impara a stare insieme e a rispettarsi; il centro civico è avanguardia, progresso, senso civico, è sinonimo di salute e benessere, quel welfare che sempre ci è stato negato.
L’idea di metter su degli spazi comuni gestiti e logisticamente organizzati, nasce dall’esigenza di offrire ai cittadini di ogni età (non solo i giovanissimi) una realtà diversa da quella della strada, della sterilità, della contemplazione del “nulla fare” e al contempo dalla necessità di recuperare strutture disponibili ma abbandonate ai crolli ed allo sversamento di rifiuti per restituirli ai legittimi proprietari: i cittadini.
Le finalità del centro civico sono:
– recuperare vecchie strutture nelle quali creare ambienti sicuri e puliti;
– accogliere le richieste formative e le idee dai cittadini;
– offrire loro delle stanze, delle sale per la ginnastica, dei tavoli, delle sedute, della bacheche informative;
– organizzare eventi musicali, mostre, tornei, gare amatoriali, meetings;
– ricevere un’offerta ricreazionale senza scopo di lucro.
Il centro civico è un luogo dove i più esperti possono trasmettere sapere e conoscenze pratiche ai più piccoli: pensate a quanti musicisti ci sarebbero se la nostra città fosse munita di una sala musicale libera! O quanti campioni di scacchi, o attori di teatro, provate ad immaginare quante persone che non possono permettersi un corso di yoga o di pilates potrebbero usufruirne, provate a pensare quanti gruppi di lavoro cercano posti dove vedersi e costruire i propri sogni!
Il centro civico è contro ogni forma di criminalità o vizio, si preoccupa di trasmettere i valori sani della legalità: la criminalità getta le radici e cerca di insidiarsi là dove c’è l’ignoranza, che è il suo cibo preferito, il primo passo verso il progresso è soffocarla con la cultura.

Condividi

Allegati

  • 32 (324 kB)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *